I nostri vestiti ci definiscono

8:52 am
Categories:

Non è forse vero che il nostro stile nel vestire, ma anche nel taglio di capelli o il modo che abbiamo di muoverci, ci definisce nel rapporto con gli altri e con il mondo? Senz’altro è così. Ed è qualcosa di bellissimo, se consideriamo quanta libertà e quanti modi abbiamo a disposizione per presentarci agli altri. 

Per quanto mi riguarda, non sono una persona che presta moltissima attenzione a ciò che indossa, nel senso che alle volte mi rendo conto (solo ed unicamente perchè mi viene fatto notare) che combino colori in modo inappropriato. Credo, invece, di fare questa cosa inconsciamente perchè fa parte della persona che sono: colourful. Mi identifico moltissimo con quello che offre la natura e la verità è che nel mondo naturale i colori sono sempre bellissimi e non importa come siano accostati. C’è chi si ossessiona sulla perfezione dei vestiti che veste, facendone una fissazione, ma soprattutto basandosi su regole che sono state scritte da un qualcun altro che non dovrebbe contare assolutamente nulla. Quello che ho imparato vivendo in due grandi metropoli per lungo tempo è che siamo tutti fautori del nostro stile, che non esiste uno standard da seguire (a meno di non avere una personalità spicciola), che il vero stile sta proprio nel rendere il proprio vestire personale, e quindi, diverso da ogni altro. La diversità è bellezza. E quindi io invito quante più persone possibile a scegliere con il cuore i vestiti che desiderano mettere per incontrare il mondo, senza farsi mai influenzare dalle parole critiche di amici, familiari, compagni di scuola o colleghi d’ufficio su come dovremmo essere. Cedere alle pressioni, alle parole altrui porta solamente noi a stare male con noi stessi. Invece, dimostrare il proprio coraggio e, soprattutto, la coerenza con se stessi è il primo passo per una crescita personale indirizzata a farci ottenere piena stima in noi stessi, e quindi permetterci di raggiungere il nostro massimo potenziale.   

Per quanto mi riguarda preferisco cercare vestiti nei negozi piccoli, quelli nascosti nelle viuzze del centro città, piuttosto che andare nei grandi centri commerciali. Anche se ammetto che sono veramente comodi per certi aspetti. La ragione per la quale preferisco i negozietti è semplicemente che lì c’è maggior probabilità di incappare in qualche capo d’abbigliamento particolare ed unico, per il semplice fatto che si tratta di negozi indipendenti e non punti vendita di grandi marche. Vestire una marca famosa che tutti conoscono significa per me omologarsi (e mi è capitato di avere addosso vestiti che vedevo su altre persone), e quindi togliere potere alla mia individualità.